Simepriv: nuovo farmaco per epatite C, efficace al 90% dei casi

Si chiama Simeprevir, un nuovo farmaco anti-epatite C, che si fabbrica in Italia e che é stato da poco approvato dall'Unione Europea, la sua particolarità è che guarisce nel 90% dei casi.

L'epatite C in Italia é una malattia da un costo di 1 miliardo di euro all'anno per il sistema sanitario locale e questo farmaco, a conti fatti potrebbe far risparmiare circa un 40-50% alla Nostra sanità, cioé tra spese dirette ( cure) e spese indirette ( giorni malattia non lavorati a causa di questa malattia).

L'epatite C è una malattia che si prende ( per l'80%) per l'uso di siringhe ( droghe) o trasfusioni, per il 20% la motivazione é invece sconosciuta, può portare alla cirrosi epatica , al tumore del fegato, con conseguente morte del paziente, anche se bisogna dire che il corso di questa malattia è molto variegato, va da alcuni mesi, ad anni.
Scoperta negli anni '70 questa malattia si è cercato di combatterla, alcune cure erano particolarmente pesanti per i pazienti e avevano un successo di battere la malattia solo parziale ( circa un 30%), questa quindi é un'ottima notizia per molti malati italiani, che sono oltre 2 milioni nel nostro paese.

Il nuovo farmaco per epatite C che guarisce il 90% dei casi
La cosa positiva di questo nuovo farmaco é che è efficace nel 90% dei casi in cui si é studiato.
Non é adatto a tutti i tipi di epatite C, ma solo a quelli più comuni.
Questo nuovo farmaco per l'epatite C è in pastiglie, non é invasivo o ha grandi effetti collaterali come altri vecchi farmaci per questa malattia.
C'é inoltre da aggiungere che il Simeprevir viene fabbricato vicino a Latina, da un'azienda farmaceutica su licenza.
Il caffè fa male?  -  Il flagello del 3° millennio Obesità  

Commenti