Big Bang: il più grande Mistero di sempre.

Prima del Big Bang non c'era niente, poi è nato il tempo e lo spazio.
Questo é solo il primo articolo dedicato al Big-Bang, l'evento più importante di sempre.

Questo evento é così misterioso e difficile da capire per la mente umana e per la scienza, che da sempre l'uomo sta cercando di scoprire come abbiamo fatto ad essere qui, e fino a poco tempo fa, l'unica spiegazione plausibile era quella religiosa: un Dio ha creato la Nostra realtà.
Invece pare proprio di No, o meglio.....
Sicuramente (e purtroppo) non c'é nessun Dio, ma eventi scientifici talmente complicati che ancora non siamo riusciti a capirli veramente fino in fondo.
Ci sono varie spiegazioni e teorie di come é avvenuto il Big Bang e sopratutto COSA C'ERA PRIMA DEL BIG BANG.


Big Bang: il più grande mistero di sempre.

Sì, perchè se quasi tutti i fisici sono d'accordo sul fatto che ci sia stato un Big Bang, non tutti i fisici sono d'accordo su cosa c'é stato prima del Big Bang.

  • Oggi, comunque faremo un piccolo riassunto di quello che sappiamo per certo. Naturalmente il Big Bang non é che possiamo riprodurre ( ci mancherebbe) , ma ci sono degli strumenti come il Large Hadron Collider che in questi anni hanno aiutato tantissimo Noi poveri esseri umani a capire cosa possa essersi verificato qualche tempo DOPO IL BIG BANG.

Innanzitutto partiamo da quando l'uomo ha capito che c'è stato un inizio.

  • E' stato osservando le galassie nel 1929, che l'astronomo Hubble ( dal quale ha preso il nome il famoso telescopio) ha notato che si distanziavano le une dalle altre. Non solo si distanziavano le une dalle altre, ma lo facevano andando sempre più veloce. Da qui a capire che tutto l'universo osservabile arrivasse da un punto comune, fu presto fatta. Ma da quale punto in comune?
  • La teoria del Big Bang è stata confermata negli anni '60 dalla scoperta della radiazione cosmica di fondo, delle onde radio cioè, che permeano tutto l'universo, onde radio che ci arrivano tutte da uno stesso enorme evento, e che possiamo sentire quando accendiamo una qualsiasi radio e sentiamo quel fruscio, o accendiamo un televisore e non andiamo su un canale trasmesso e vediamo quell'effetto neve, quello è l'effetto della radiazione di fondo, come se allo scoppio di una bomba ci arrivassero delle onde d'acqua di un mare. Ecco quell'unico evento è il big bang.

La teoria del Big Bang dice più o meno questo

da un punto infinitisamente piccolo, infinitisamente denso e infinitisamente pieno di energia,  circa 14 miliardi di anni fa, iniziò questo evento.

  • ATTENZIONE: prima non c'era niente, nel senso che non c'era n'é il tempo n'é lo spazio, nè la materia.
  • Questo concetto, già manda fuori dai gangheri ogni mente normale. La Nostra immaginazione, difficilmente riesce ad astrarre una concezione di un qualcosa che non è mai esistito, un qualcosa talmente piccolo da non essere visto, un qualcosa senza tempo e senza materia, un punto infinitesimamente piccolo fatto di energia, proprio perchè non esisteva una realtà, ecco allora che qui non può che subentrare che la filosofia, una cosa  che ci vede tutti insieme, nemmeno in fase di atomi, o di particelle di materia no, perchè la materia non esisteva: era solo PURA ENERGIA. L'universo era come compresso in un punto piccolossimo, un miliardesimo di miliardesimo di miliardesimo di millimetro ( circa).
  • PRIMA del Big-Bang non sappiamo cosa c'era ( e ci torneremo dopo) , ma quello che ci interessa é che quando 14 miliardi di anni fa questo piccolissimo e densissimo (issimo issimo) punticino ha iniziato ad espandersi l'ha fatto PIU' VELOCE DELLA LUCE. Cosa stai dicendo? niente é più veloce della luce....
  • Sbagliato: l'espansione dell'universo é stata per diverso tempo molto, molto più veloce della luce, e la cosa non vìola le leggi della fisica, in quanto all'epoca non esisteva uno spazio intorno a quella cosa di energia che si espandeva a velocità formidabili.
  • In pochi secondi dal nulla ( o quasi) tutta quell'energia era già grande quanto una sistema solare, la materia da energia iniziava a formarsi ( ricordate la famosa teoria di Einstein E= MC2? Fu proprio questa teoria che venne utilizzata dai primi cosmologi per spiegare il Big Bang, intorno agli anni '30.

Si forma il tempo:

  • Per spiegare come abbia fuzionato il Big Bang, gli scienziati hanno inventato una nuova forma di tempo: il tempo di Plank, che in pratica consiste in una piccolissima parte ( miliardesimi di miliardesimi) di secondo.
  • In questo periodo e in quelli successivi, ma comunque intorno ai primi secondi di vita, si sono formati i primi mattoni della materia, e questo per una pura casualità.
  • Dai primi mattoni della materia, si arrivò alla formazione dell'idrogeno.
  • Dopo 300 mila anni dal Big Bang  l'idrogeno ha iniziato a risentire della forza di gravità e quindi dopo mezzo milione di anni dal big bang è nata la prima stella.
  • Dopo la nascita della prima stella, con il tempo, e grazie alla forza di gravità si formarono le prime galassie.
  • Oggi sono passati 14 miliardi di anni da quell'evento, e Noi siamo in grado (quasi) di capirlo.
  • L'uomo è il soggetto che l'universo ha creato per avere coscienza di sé, e se si considera che per quello che finora abbiamo visto siamo l'unico essere intelligente di Nostra conoscenza nell'intero universo, e visto che siamo diventati questo grazie ad una serie infinita di eventi fortuiti, è bene che preserviamo più a lungo possibile il Nostro sapere, tramite la Nostra specie.
  • Sopra: la storia del Big Bang.

Commenti

  1. M: L: : Dire che l'uomo è il soggetto che l'universo ha creato per avere coscienza di sé implica una volontà da parte dell'universo e di conseguenza già un qualche tipo di coscienza di sé. Il fatto che non si conoscano ancora altre forme di intelligenza ci dice poco: fino a qualche secolo fa era normale pensare di essere al centro dell'universo, le indagini su possibili forme di vita nel sistema solare (Europa, Encelado...) sono appena cominciate e solo da pochi anni stiamo scoprendo pianeti fuori dal sistema solare.
    Link permanente 1 punto 1 voto scritto da NetMassimo 8438poweruser111782 il 16 gen 15, 15:31:56 segnala abuso RISPONDI


    OK
    NO
    Profilo Blogm Resta il fatto indubitabile che NOi siamo l'unica forma di vita intelligente conosciuta ( casi particolari a parte).

    M: B: : Noi facciamo parte dell'universo, e ( appunto ) essendo degli esseri pensanti che sono riusciti a percepire conoscere e scoprire l'universo, siamo in grado di avere coscienza di Noi ( inteso Universo).

    L'universo non ha una volontà, quello ( forse) é vero, ma ha comunque una vita , è nato un certo giorno, ad una certa ora ed è cresciuto, non vedo perchè non considerarlo un essere, e, visto che Noi ne facciamo parte è un essere senziente grazie proprio a Noi umani.

    RispondiElimina
  2. C'è proprio di che mandare in tilt ogni mente umana!
    Non è certo intuibile, ora che siamo circondati da materia, spazio e tempo, capire cosa c'era prima del Big Bang!
    Materia, spazio e tempo potrebbero essere eterni? Ma come immaginare una possibilità così infinitamente al di fuori di ogni logica matematica, etica o che altro ancora?
    Bel Post e bella provocazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è un'argomento molto affascinante per quanto complesso e devo dire che prima di scriverlo mi ci è voluto un pochino, per documentarmi, inoltre ora faremo altri articoli proprio inerenti il Big Bang ed altri argomenti interenti lo spazio.

      Elimina
    2. Grazie a te!
      Sai, io sono ..."datato" ma non smetto mai di cercare, di intuire, di immaginare cosa veramente ci governi, ci induca a ricercare, a sopravvivere.e capire il senso della nostra presenza in questa realtà!
      Seguirò con molto interesse i prossimi Post, grazie!
      erie5

      Elimina
  3. il primo a scoprirlo e' stato un cattolico, Georges Edouard Lemaître (Charleroi, 17 luglio 1894 – Lovanio, 20 giugno 1966) è stato un presbitero, fisico e astronomo belga.

    Fu il primo a capire che lo spostamento verso il rosso della luce delle stelle era la prova dell'espansione dell'universo e a proporre la legge di Hubble, secondo la quale vi è una proporzionalità fra distanza delle galassie e loro velocità di recessione. Nel 1927, infatti, pubblicò l’ipotesi dell'atomo primigenio,[1] oggi nota come teoria del Big Bang, basata sulla relatività generale, per spiegare entrambi i fenomeni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto,
      ma non credo sia giusto dire che 1a sola persona ha 'scoperto' il Big bang,
      ma credo sia più opportuno dire che, dopo tante scoperte si è potuta formare questa,
      che è finora la teoria più accettata a livello scientifico su come l'universo sia nato.

      Elimina

Posta un commento

TU COSA NE PENSI ? SCRIVI LA TUA OPINIONE:
Il Vostro commento sarà pubblicato subito appena approvato.
Commenti Offensivi o Spam non verranno pubblicati.

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.