25 aprile 2014

Filled Under: ,

Vaccini salvano 700.000 bambini in 20 anni

Vaccini salvano 700.000 bambini in 20 anni
Vaccini per bambini

Proprio intorno ai vaccini in questi ultimi tempi in Italia c'è una gran polemica, molti dicono che è meglio non vaccinare i bambini perché potrebbe far male ma vediamo cosa dicono i dati ufficiali: un rapporto pubblicato oggi dal CDC (Center for Disease Control and Prevention)  la vita più di 732.000 bambini e 1.000 miliardi dollari sono stati salvati negli ultimi 20 anni da un programma di governo che è stato creato per i bambini che non hanno l'assicurazione sanitaria che copriva le vaccinazioni.

I vaccini per i bambini del programma (VFC) è stato realizzato nel 1994, in seguito ad un'epidemia di morbillo che era responsabile di 55.000 casi tra 1989-1991. Funzionari della sanità hanno riferito che la recrudescenza della malattia è stata causata in gran parte dalla mancata diffusione di vaccinare i bambini non assicurati presso l'età consigliata di 12-15 mesi. Il presidente Bill Clinton ha convinto il Congresso a creare il programma, sostenendo che i produttori di vaccini sono state perseguendo "profitti a scapito dei nostri figli." La VFC era inizialmente controversa, come le aziende farmaceutiche e repubblicani del Congresso hanno detto che si basava su ipotesi errate e che il governo era impreparato a gestire un enorme impresa. (Suona familiare?)

Inizialmente, VFC mirato nove malattie: difterite, tetano, pertosse, poliomielite, Haemophilus influenzae di tipo b di malattia, epatite B, morbillo, parotite e rosolia. Durante il 1995-2013, sono stati aggiunti altri cinque: varicella, epatite A, infezioni da pneumococco, influenza e rotavirus.

Il risultato? Il CDC calcola che, nel corso delle vite di 78,6 milioni di bambini nati tra il 1994-2013, le vaccinazioni di routine hanno impedito 322 milioni di malattie e di 21 milioni di ricoveri, e scongiurato 732.000 morti premature.

E, risparmio totale per i contribuenti americani? Quasi 295 miliardi dollari in costi diretti (ad esempio il trattamento di una infezione) e 1.380 miliardi dollari in costi sociali totali (come perdita di produttività e di educazione a causa di disabilità e problemi di salute cronici).

Un altro vantaggio del programma VFC: riduzione disparità razziale. Secondo il CDC studio , durante il 1989-1991 epidemia di morbillo, "bambini colpiti erano città sproporzionatamente interno o erano indiani d'America, ispanici, neri non ispanici, e bambini a basso reddito di età inferiore a 5 anni, che non erano stati vaccinati. razziale bambini delle minoranze / etniche erano in tre a 16 volte più a rischio per il morbillo che erano bambini bianchi non-ispanici. "

2 commenti:

  1. questi sono i numeri da leggere, sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;Lo sai che?
      Questi numeri non fanno notizia, fa più notizia un sedicente Scoop delle Iene, che ti dice che uno è stato guarito da un tumore bevendo una pozione magica di erbe

      Elimina

TU COSA NE PENSI ? SCRIVI LA TUA OPINIONE:
Il Vostro commento sarà pubblicato subito appena approvato.
Commenti Offensivi o Spam non verranno pubblicati.

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.

Scienza Italia é un Blog che ha come obiettivo quello di portare alla conoscenza di tutti, argomenti scientifici di difficile comprensione per chi non ha avuto una preparazione scientifica nella propria vita.

Tutti i contenuti di http://science.prezzon1.com/ possono essere utilizzati da altre testate o siti internet, giornali o televisioni a patto di citare sempre http://science.prezzon1.com/
come fonte inserendo obbligatoriamente un link o collegamento visibile a http://science.prezzon1.com/ oppure direttamente alla pagina dell'articolo citato.
In ogni caso, tutti i permessi relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a
http://sci-i.blogspot.com .
Scienza Italia
controlla e verifica la qualità dei siti a cui mettiamo i link, ma resta il fatto che Noi non siamo responsabili dei contenuti dei siti in collegamento della qualità o correttezza dei dati forniti da terzi.

Si riserva pertanto la facoltà di rimuovere informazioni ritenute offensive o contrarie al buon costume.